Corso di Accompagnamento alla Nascita (CAN)

Corso di Accompagnamento alla Nascita (CAN)
6 marzo 2017 redazione

A partire da venerdì 7 aprile inizia il corso di accompagnamento alla nascita. Per donne a partire dalla 25-28W di gravidanza.

La gravidanza è un evento naturale e delicato per il quale ogni donna possiede la forza e le competenze necessarie. Molte volte, però, è importante aiutare le donne a riscoprire e valorizzare al meglio queste capacità e i corsi di accompagnamento alla nascita (CAN) sono lo strumento ideale per raggiungere questo obiettivo. Questi corsi si inseriscono nel percorso educativo dell’assistenza prenatale, che ha lo scopo di promuovere la salute delle donne in gravidanza e del neonato e di identificare e trattare eventuali patologie. Oltre a ciò, l’assistenza prenatale prevede anche un percorso informativo e di sostegno alle donne, ai loro partner e alle loro famiglie, per aiutarli a fare scelte consapevoli e a intraprendere il cammino verso la genitorialità.

Il CAN è formato da una serie di incontri, solitamente a cadenza settimanale, che vengono organizzati per le future mamme e, in alcuni casi, rivolti anche ai loro partner. Durante questi incontri vengono affrontati diversi argomenti e proposte varie attività fisiche.

In Italia la maggior parte degli interventi di educazione prenatale è affidata all’ostetrica, in quanto rappresenta la professionista esperta di fisiologia in gravidanza, nel parto e nell’ accudimento del neonato, mentre, quando i temi esulano dalla sua competenza, è prevista la presenza di altre figure professionali come, ad esempio, il ginecologo, il pediatra e lo psicologo, il tutto con lo scopo di fornire alle donne informazioni utili basate su conoscenze scientifiche.

Durante gli incontri vengono trattati vari temi come i cambiamenti in gravidanza e la crescita del bambino in utero, le fasi del travaglio e il dolore del parto, l’allattamento e il ritorno a casa. Invece le attività fisiche prevedono metodi di rilassamento, visualizzazioni e l’insegnamento di tecniche utili a migliorare il controllo del dolore, con consigli sulle posizioni più antalgiche, massaggi e controllo della respirazione. Inoltre, la possibilità di confrontarsi con altre future mamme che condividono gli stessi timori, i desideri e le emozioni, da luogo a momenti di scambio in cui una donna può sentirsi libera di porre domande e trovare risposte semplici e chiare.

Infine la partecipazione ai CAN viene raccomandata anche dalle linee guida nazionali per l’assistenza alla gravidanza. Infatti, vari studi scientifici hanno dimostrato una riduzione al ricorso del taglio cesareo e un maggior successo nell’allattamento al seno nelle donne che avevano partecipato al corso durante la gravidanza.

Frequentare il CAN permette quindi di avere maggiori informazioni e fare scelte più consapevoli, aiutando a diminuire l’ansia della futura mamma e facilitando il coinvolgimento del partner in tutta l’esperienza della nascita.

CAD - Copia

C’è un potere che entra nelle donne quando partoriscono. Le donne non lo chiedono, ne vengono semplicemente invase. Si accumula come nuvole all’orizzonte e passa attraverso di loro, portando il bambino con sé.
(Sheryl Feldman)